Gaiola / Da vedere

Situata lungo la strada statale che risale la valle, Gaiola sorge su un piccolo ripiano alluvionale che si sviluppa sulla sinistra orografica del fiume Stura, tra gli sbocchi dei valloni di Rittana e Valloriate. Il toponimo sembrerebbe derivare dal termine galliola (piccola Gallia) probabilmente in riferimento a un antico insediamento gallico del quale però non sono rimaste tracce.
Di piccole dimensioni, il paese è suddiviso in due zone: una più antica collocata nella parte alta, che dovette svilupparsi in epoca medievale attorno a un fortilizio e una più recente a ridosso della strada statale. I principali punti di interesse si concentrano nella parte sottana: la settecentesca Villa Peano, alcune vecchie abitazioni con i tetti in losa e soprattutto la palazzina dei conti Falconis che ospita il Centro Polifunzionale La Gramigna, struttura che offre al territorio vallivo un interessante calendario culturale. Per gli amanti dell'arte meritano una visita la Chiesa Parrocchiale intitolata alla Vergine Assunta, un edificio tardo-barocco costruito nel 1717 utilizzando i resti di una precedente struttura del XIV secolo e la Cappella di San Bernardo una struttura rurale impreziosita da un affresco del primo Cinquecento e collocata lungo la via sterrata che dal paese sale verso Rittana. Nella parte alta del paese nascosti tra la vegetazione si possono intravedere alcuni ruderi attribuiti  all'antico fortilizio che dominava l'ingresso della valle.

GAIOLA - Palazzo Municipale
Via XX Settembre, 2 – 12010 Gaiola
Tel.: 0171 72922
E-mail: gaiola@vallestura.cn.it